5.11.09

Into the Wild

Tanti fim nel cuore e vecchie recensioni nel cassetto, che vorrei riproporre. Mi sembra giusto iniziare da "Into the Wild", che tanta importanza riveste anche negli elementi di questo blog. Buona lettura!


Perchè parlare apertamente di questo film... Mi capita spesso alla fine di una visione esclamare "bel film", e andarmene a dormire senza troppi pensieri; al termine di "Into the Wild", quarto lavoro da regista di Sean Penn, ho pensato "hm", non riuscivo a pronunciarmi e prima di addormentarmi ho consumato qualche pensiero su questa pellicola un po' atipica. Cosa ormai rara dopo la visione di un film.

Tratto dal best-seller "Nelle terre estreme" di Jon Krakauer, mostra la vera storia di Chris McCandless, studente modello neo-laureato, inquieto come pochi, che "non ha bisogno di cose". Abbandona la sua non-famiglia borghese dal prato verde e dalle piccole-grandi tragedie quotidiane tra le mure domestiche, brucia soldi, documenti e qualsiasi cosa lo identificasse come essere sociale, e parte come nuovo S.Francesco alla scoperta dell'America selvaggia, quella della natura incontaminata e degli altri animali umani sfuggiti ai dettami sociali. "Non ho bisogno di una carriera signore, è un'invenzione del ventesimo secolo".
Il viaggio di Chris verso una natura tanto magnifica nella sua imponenza quanto ostile, è un percorso di rinascita e catarsi dalle costrizioni di una vita programmata, dagli obblighi di figlio, di studente e di futuro lavoratore, dalla categorizzazione della società, dall'incasellamento in ruoli scomodi, per ricongiungersi alla sua parte più intima e incontaminata proprio grazie al contatto con la natura primordiale. Una scelta vigliacca se vogliamo... tanto forte da affontare fiumi ghiacciati e tempeste di sabbia, ma troppo debole per sopportare la lotta per l'affermazione del proprio io in una civiltà egemonizzante.
La storia parte dalla fine, una sorta di Cast-Away in un pulmino abbandonato tra i ghiacci dell'Alaska, inframmezato dal racconto a capitoli del viaggio interiore e fisico di Chris fino a quel momento.

Bisogna dirlo, il film è bello pesante. Le due ore e mezza non mantegono sempre alto il livello, scivolando qua e la in eccessivi didascalismi e particolarismi degli incontri di Chris e delle storie dei comprimari; tuttavia negli "assoli" del protagonista, il connubio tra i campi aperti sui paesaggi mozzafiato, tra le citazioni dotte dai libri di Chris, unici compagni di viaggio, e le parole della colonna sonora di Eddie Vedder, fedelmente riportare sullo schermi, si realizza un momento di forte intimità ed identificazione con il protagonista difficile da dimenticare. Ascolti, vedi, e pensi...quante volte ho pensato lo stesso, quante volte avrei voluto mandare a fanculo tutto e sfuggire a decisioni che la vita prende per te, seguendo il tuo istinto. Fino a condividere la fine del percorso interiore di Chris. E qui c'è l'emozione: "La felicità è reale solo se condivisa"



E la riflessione.
Se pensiamo che il libro soggetto del film, è a sua volta un reportage del viaggio del vero Chris, tra il '90 e il '92, ci si chiede... come può essere tanto fastidioso il malessere sociale, l'insoddisfazione di una vita non tua, il rigetto per il superfluo che ci circonda annebbiando i sensi, per spingere un 23enne ad un viaggio estremo, ad un ritorno alle terra, fino alla fusione estrema con essa?
Quindi ecco, non è un film per il popolo della grande sala... da assaporare in solitudine, nella sala vuota o nel buio della camera, senza la compagnia della ragazza alla destra che si addormenta o che commenta "cì matton d film" o di quelli dietro che ti massacrano la schiena a suon di calci salvo lasciarsi andare a schiamazzi da bar nell'unica scena vaghissimamente erotica del film.

Menzione particolare al protagonista Emile Hirsh (-Alpha Dog-), perfettamente nel ruolo dal dramma interiore al dimagrimento fisico. Finale un po' forzato, con l'autoscatto del vero Chris e la solita dicitura..."tratto da una storia vera bla bla bla". Come per dire...e se dopo due ore e mezza non l'avete fatto, ora vi dovete commuovere a tutti i costi cazzo!

"Volevo il movimento, non una esistenza quieta. Volevo l'emozione, il pericolo, la possibilità di sacrificare qualcosa al mio amore. Avvertivo dentro di me una sovrabbondanza di energia che non trovava sfogo in una via tranquilla".
Lev Tolstoj - La felicità familiare (passaggio evidenziato in uno dei libri rinvenuti con la salma di Chris McCandless).

7 commenti:

Zazie ha detto...

di questo film ne parlano bene tutti ,solo che sono cocciuta e non lo guardo per timore che sia davvero un mattone forzatamente intellettuale.
Però adesso basta, lo guardo...almeno posso demolirlo per bene ,eventualmente :P

E cmq Tolstoj aveva ragione...è stato il primo a scapparsene Into the Wilde.
Nono so cosa darei per fare lo stesso.

In ogni caso ti suggerisco un film che tra oggi e domani recensirò: L' APPARTAMENTE SPAGNOLO.

Stessa inquietitudine, soluzione splendida e ,forse, meno codarda.

:)

Zazie ha detto...

fràààà mi ti sei chiamato deossiglucontato su youtube!!! come ti è venuto in mente???
ahahahha XD

Francè ha detto...

Beh io l'ho amato, e si vede dalla moltitudine di riferimenti al film su questo blog. Sarà anche che l'ho visto in un momento molto particolare della mia vita in cui la voglia di scappare "Into the Wild" era molto forte. Ne ho letto anche il libro, per capire a pieno la vicenda di Chris... Non è poi difficile immaginare come ad un nostro coetaneo possano venire certe pulsioni, anche se non così estremizzate chiaramente.
De L'appartamento Spagnolo ne vidi il seguito, Bambole Russe e devo avere anche una recensione da qualche parte mi sa... Semmai pubblicata la tua, poi ci posto la mia in modo incrociato XD

Deossigluconato viene direttamente dal Lenigher.. Mentre studiavo biochimica, mi registrai a u tube ma tutti i nick erano in uso, così aprì il libro ad una pagina casuale e la prima parola che lessi fu deossigluconato! Questo sicuro non c'era XD!

pasquii ha detto...

Come ho amato questo film!! Per me è stato il migliore dell'anno scorso, meritava l'oscar.. Poi forse Sean Penn stava sulle scatole a qualcuno di potente.. :)
Concordo pienamente con te, forse mi sono immedesimato troppo, spinto da questa voglia di fuggire vigliaccamente da tutto e tutti.
La colonna sonora è a dir poco Meravigliosa!!
Da rivedere al più presto..

ciaoo

Anna ha detto...

Purtroppo non ho visto questo film anche se mi piacerebbe molto, nonostante possa sembrare un mattone...
Frà spero di risentirti presto, è da molto che non scriviamo entrambi a quanto pare...

Francè ha detto...

Ciao Anna..
E' vero, ho un po' abbandonato il blog ma è un periodo pieno di impegni e in più sento di voler scrivere solo rigiardo qualcosa si esterno.
Sono diventato geloso delle mie emozioni.. Sto passando una fase ermetica :)

Roberto ha detto...

Uno dei migliori film che abbia mai visto!! E' stupendo....e dire che non mi ispirava nessuna fiducia!!

Posta un commento

 
Copyright 2009 Uno stupido costume da uomo. Powered by Blogger Blogger Templates create by Deluxe Templates. WP by Masterplan