6.1.10

Pomodori verdi fritti alla fermata del treno / Coraline e la porta magica


Quando il cinema è ben fatto, quando sa raccontare e trovare le chiavi giuste per emozionare lo spettatore ti fa venire voglia di parlarne, di scriverne. Ieri, come oggi. Approfittando di questi giorni di break tra un esame e l'inizio dell'altro (quanto non mi va di rincominciare?!), ho avuto il tempo di vedere due gran bei film.


Uno, l'ho pescato nella pila dei divx da vedere... Credendo chissà perchè fosse una commedia, la mia scelta è caduta su "Pomodori verdi fritti alla fermata del treno". Una pellicola questa del '91, un classico dei film da televisione, che dal titolo mi ha sempre incuriosito. Mi suggeriva qualcosa di caldo, accogliente, familiare.... E se è vero che non c'è niente di più sbagliato basare la scelta di un film sul titolo, in questo caso il mio istinto è stata premiato! Il film racconta la storia di quattro donne legate dal coraggio e dall'amicizia tra passato e "presente": negli anni novanta la quarantenne sovrappeso e infelice Evelyn conosce l'anziana signora Ninny parcheggiata in una casa riposo la quale le (ci) racconta la storia di Idgie e Ruth, due donne tanto diverse quanto unite dalla passione sullo sfondo dell'America del sud degli anni '30, segnata da maschilismo e razzismo dopo la grande guerra. Idgie e Ruth come Evelyn e Ninny, in un sodalizio al femminile che le arricchirà reciprocamente dando a ciascuna la voglia di farcela e di ricominciare. Un bellissimo film crepuscolare, classico, su una forte amicizia - quella di Idgie e Ruth - che profuma d'amore, sulla vecchiaia, sull'integrazione razziale e l'emancipazione femminile. Un film sul sentimento, quello universale.

E sfido chiunque a non aver voglia di un bel piatto di pomodori verdi fritti dopo il film! :D (è la specialtà che Idgie e Ruth servono nella loro locanda...quella alla fermata del treno..).

"Il segreto della vita? E' nella salsa". Da recuperare!


Il secondo invece lo aspettavo da tempo al cinema, sin da quando ho visto il trailer... Parlo di "Coraline e la porta magica". Le mie aspettative su questo nuovo gioiellino in stop motion dal regista di Nightmare Before Christmas (e non si parla di Tim Burton attenzione!) non sono state affatto deluse. Un piccolo capolavoro di horror infantile, sul mondo grottesco dei sogni e di quanto questi possano essere spaventosi. La storia può essere considerata quella di una Alice dei tempi moderni... trascurata dai genitori sempre a lavoro dietro uno schermo del pc, e annoiata dalla vita in questo maniero diroccato in una campagna tetra e gotica nella migliore tradizione burtoniana, Coraline scopre (immagina?) una porticina che la porta nella sua altra casa, dalla sua altra famiglia dove tutto è più buono, più colorato, più magico, più bello finchè non sarà costretta a.... cucirsi dei bottoni sugli occhi! Da qui inizia un delirio visivo, di colori, forme, e trasfigurazioni della realtà che hanno saputo incantarmi come un bambino. Adorabili personaggi secondari, come le vecchine ex attrici teatrali e lo strambo inqulino russo del piano superiore.

Il film è uscito anche in 3d e l'ho visto in una sala appositamente attrezzata... purtroppo la spesa non è valsa l'impresa! Tranne qualche simpatico effetto, la tecnlogia del 3d è stata assolutamente sotto sfruttata per questa pellicola che probabilmente non ne aveva bisogno essendo perfetta così come è.

Obbligatorio!

7 commenti:

Angelica Scardigno ha detto...

sapevo che pomodori ti sarebbe piaciuto!!! :)))
buone feste passate!!!!

Francè ha detto...

Ciao Angelica.. :):)
Sto cercando di ridar vita al mio blog ora che ho un "po' meno da fare"!!!
Pomodori bellissimo...
Buon anno e buon da fare anche a te (che ne hai parecchio anche tu a quanto vedo!)!

francesca ha detto...

ehi Ciao Francesco, grazie per avermi lasciato il tuo commento nel mio blog su splinder, ovviamente ti ho linkato perchè ti ho scoperto dal blog di Suami e perchè è un piacere ritrovarti :P Avevamo l'amicizia quando avevo la spaces :P (Francescas84) Vedo che non siamo in pochi a esserci trasferiti su piattaforme diverse! è un piacere rileggerti nuovamente, e il tuo stile e la tua personalità in questo tuo spazio emergono ancora più fuori :P

Buon Anno

ps: POMODORI VERDI FRITTI LO VIDI QUANDO ERO PICCOLINA, è DECISAMENTE UN BEL FILM!

baci

Francesca

Sara ha detto...

Ma ieri eri al Cube?
Scusate l'out of topic. Buon anno ;)

Sara

Francè ha detto...

@ Francesca: aaaaah sei tu!!! Mi ricordo di te! Che bello essersi ritrovati! :)))

@ Sara: no ci manco da un po'... cosa c'era di bello?!

Sara ha detto...

Stelle di Okuto eppoi la solita anni 80 che non guasta mai. Però c'era troppo casino. Credevo di averti intravisto, ma evidentemente era un sosia :)

Francè ha detto...

No magari fossi stato realmente li!
Volevamo venirci a Capodanno, ma poi abbiamo rinunciato per la troppa distanza.. E chissà che bordello ci sarebbe stato poi!

Posta un commento

 
Copyright 2009 Uno stupido costume da uomo. Powered by Blogger Blogger Templates create by Deluxe Templates. WP by Masterplan