9.9.09

About my future...



Domenica scorsa all'interno della trasmissione "Okkupati" di Rai3 (rubrica sulle prospettive e le realtà occupazionali dedicata ai giovani) è andato in onda un servizio sull'Università di Scienze Biotecnlogiche di Bari. Ovvero la mia =). E' stata descritta come un ottima realtà all'interno del panorama scientifico del sud Italia, con tanto di interviste al preside, e agli ex studenti che hanno trovato uno sbocco nel mondo del lavoro. Il dato sorprendente è la percentuale di occupati secondo Almalaurea ad un anno dalla laurea: ben l'80%! Beh certamente di questi tempi è esaltante sentirsi dire queste cose sul proprio percorso (soprattutto quando sei alla fine e inizi a pensare al dopo) e una percentuale del genere ti farebbe saltare di gioia ma... siamo sicuri che è tutto così bello? Dall'interno conosco anche l'altra faccia della medaglia. E se occupazione significa 3 anni di dottorato sottostipendiati (se va bene e risulti borsista da graduatoria) o un contratto di 6 mesi in azienda e poi "prego quella è la porta"... no grazie! E che ci resterebbe? La fuga dei cervelli?
Ansia e crisi sul futuro. Un futuro a cui devo iniziare a pensare seriamente dal momento che da qui a 6 mesi dovrò scegliere il mio secondo tirocinio. Una scelta che va attentamente ponderata in base ai piani post-laurea: restare, andare, dottorato, master, università, azienda??!Vabbè va.... per il momento accontentiamoci di questo servizio di belle speranze! =)


13 commenti:

Jack ha detto...

Io il servizio l'ho visto in diretta alla tv^^.
Beh, in bocca al lupo per il tuo futuro! Comunque secondo me, al di là di statistiche e dati, se una persona è talentuosa e ben preparata non rimane a gambe all'aria. Dunque non preoccuparti.^^

Roberto ha detto...

E io intanto non sono laureato in quell'università e cerco lavoro da quasi un anno :(

Anna ha detto...

Stento a credere che sia davvero così la realtà e tu me ne dai conferma, ma se ti può consolare, non sei solo, siamo più o meno tutti sulla stessa barca e proprio io affondo di più, che credo ancora negli ideali, e in un futuro da giornalista in pieno periodo di crisi dell'editoria e recessione. Che dire: facciamoci coraggio e diventiamo ottimi venditori di noi stessi, andiamo avanti per la nostra strada e poi si vedrà...:)

marinella ha detto...

ti capisco. c'è lavoro e "lavoro". Spero per te che l'ottimismo televisivo si tramuti in realtà

Francè ha detto...

@ Anna: Esatto, credo che il sapersi vendere e offrire ciò che abbiamo di meglio sia ciò che resta. In senso postivo però eh! Detto così potrebbe essere interpretato per prostituzione ahah

@ Marinella: letto così il tuo nome nn sapevo chi fossi :). E guarda lo spero anche io... Chi vivrà vedrà!

Anna ha detto...

Uh no, per carità...ci manca solo quello: prostituirci XD

Grà ha detto...

potremo andare tutti ai festini del Berlusca... io voglio diventare la Noemi della Puglia! tanto con quello che ci aspetta in futuro...scherzo scherzo! non sono così pessimista..e poi mai fasciarsi la testa prima di rompersela!;) attendiamo con speranza... Grà

Francè ha detto...

No che scherzo... Se potessi ambire io a diventare la Noemi della Puglia non ci metterei un attimo! Voi siete fortunate e dovete sfruttare le vostre doti XD

Grà ha detto...

:p che bella prospettiva futura! concedere favori sessuali per avere qualche copertina sui giornali nn è proprio il massimo a cui aspiro! però se ci pensi è il modo più facile per 'sfondare'...in tutti i sensi! ahahahhaah :p

Francè ha detto...

Madooo Grà ma queste battutacce da una aspirante farmacista come lei non me le sarei mai aspettate!! Mi sa che sei stata troppo al porto questa estate...ahahaha!
M'è piaciut cmq! XD

Grà ha detto...

ahahahhahah! madòòò hai ragione! :(

Melinda K. ha detto...

L'ho visto pure io :-) e infatti mi eri venuto in mente proprio tu!!! :-)
Sto facendo "calcoli" simili ai tuoi. Il mio dubbio adesso è: eliminare una prospettiva ma rendere più concreta l'altra o... cercare di tenere aperte due porte? Bah... E poi DOVE???

Francè ha detto...

Penso che stia arrivando il momento di iniziare a indirizzarci verso una delle due prospettive... Perchè richiedono inevitabilmente un tipo di scelta differente. E il DOVE sicuramente ha una parte determinante. Nell'ipotesi di un dottorato penso sia la scelta fondamentale...
Per me che ho idea di un master+azienda, la scelta del dove riguardo il tirocinio la metto in secondo piano. Anzi dove x me diventa dove posso farcela con minor fatica e in meno tempo possibile x dedicarmi poi a quel progetto. Ma è anche vero che non bisogna sottovalutare la possibilità di fare bene un tirocinio e aver seppur minimamente, qualche chance in più.
AAAAAAAAA che crisi! :(

Posta un commento

 
Copyright 2009 Uno stupido costume da uomo. Powered by Blogger Blogger Templates create by Deluxe Templates. WP by Masterplan